Category Archives: Cucina

Sostenibilità, lotta allo spreco e sicurezza alimentare sono i temi del 33° Convegno regionale dei Cuochi vesuviani

Incontro programmato per il 6 dicembre a Torre del Greco La Sostenibilità, la lotta allo spreco e la sicurezza alimentare, saranno i temi che affronteranno e sui quali si confronteranno a partire dalle ore 16:30, di martedì 6 dicembre, ospitati

Ritmo intenso di attività per l’AMIRA in Campania con il suo fiduciario Dario Duro

La sezione Napoli-Campania, si aggiudica il “1° Trofeo Flambè Procida Capitale Italiana della Cultura” Continua con ritmo intensissimo il lavoro che, iniziato nel gennaio 2020, Dario Duro, fiduciario della sezione Napoli-Campania dell’Associazione Maitre Italiani Ristoranti e Alberghi, sta conducendo con grande successo, ottenendo

Pizza Madre di Salvatore Di Matteo: Un connubio tra tradizione ed innovazione

A Cura di Valentina Busiello: Situata nel cuore della citta’ di Napoli, in Via Giuseppe Verdi di fianco al Palazzo San Giacomo Comune di Napoli. Tantissimi gli artisti napoletani al Pizza Madre, come il Maestro Eduardo De Crescenzo agli esponenti

Ad un anno dall’apertura possiamo esclamare “Per te Donna Luisella il successo continua!”

Il Donna Luisella, nasce dal sogno di una imprenditrice realizzatrice di pizzerie e locali di successo L’impresa di Luisa La Matta (in arte Donna Luisella), socia dell’Associazione Internazionale dei Discepoli di Auguste Escoffier, del voler realizzare il suo sogno di vita con

E’ Rummo la pasta premium più amata dagli italiani Lo rivela un’indagine Swg

Rummo è la pasta premium più amata dagli italiani. A rivelarlo è un’indagine Swg resa nota nel giorno del World Pasta Day. E’ qui che si posiziona prima di De Cecco, La Molisana, Voiello, Garofalo, Granoro, Divella, Agnesi. Nata a

Nel puteolano emerge “Terroni-Trattoria Napoletana”

L’accogliente locale dove la cucina classica napoletana torna a vivere per i buongustai Terronia, terra di mare e di alberi rigogliosi del sud; terroni coloro che ci abitano e che irriverentemente erano e sono chiamati così per una supposta inferiorità che